Lo sapevate che: ho pubblicato un libro… e potete farlo anche voi!

Sul sito ilmiolibro ho pubblicato la mia breve raccolta di racconti illustrati per bambini.  Date un’occhiata cliccando sull’immagine!

Fai scappare la pauraSe anche voi avete il pallino dello scrittore e vi piacerebbe veder pubblicata una vostra opera che magari sta prendendo polvere da troppo tempo… siete nel posto giusto.

Ora vi spiego come fare.

Con la vostra opera dovete soltanto andare su ilmiolibro e da qui cominciare a creare la vostra opera che potrete mettere in vendita oppure stampare e donare!  Stampare un libro è facilissimo, basta registrarsi e poi lasciarsi guidare passo passo in una procedura guidata semplice ed intuitiva, un gioco da ragazzi… ed un esperienza di straordinaria emozione!

Se siete ancora increduli, beh potete vedere una guida all’uso per rendervi conto di quanto sia semplice e meraviglioso! Qui

Buona fortuna!

alla prossima scoperta

vostra Nosy

Lo sapevate che: pannolini lavabili, dermatite e irritazioni al culetto

Ciao mamme e papà innamorati dei  pannolini lavabili!dermatite_pannolino

Io ho scoperto che i pannolini lavabili sono comodi e mi toglievano un sacco di stress da accumulo di immondizia puzzolente, già col mio primo figlio. Li ho utilizzati di giorno e di notte per qualche mese e poi… qualcosa è cambiato. Mettevo il pannolino super-assorbente per la notte al mio bambino e al mattino trovavo il culetto pieno di piaghette (tipo scottature) e arrossatissimo… e l’odore di ammoniaca! Non me ne capacitavo, di giorno non succedeva mai! Ho provato a cambiare detersivo liquido, sono passata ad uno in polvere, poi facevo doppio lavaggio a 60°C prima con detersivo e poi senza… insomma, ci ho provato. Ma non era il detersivo. IL problema continuava a ripresentarsi.

Nel frattempo il tempo passava ed ho spannolinato il primo figlio… poi ho avuto un altro figlio che ha manifestato la stessa problematica. Ho cominciato ad usare i lavabili di giorno e gli usa e getta di notte. Era l’unico modo per non avere il culetto del bimbo arrossato e dolorante. Con i lavabili era come se nella notte si ustionasse. E la puzza! Quando toglievo il pannolino della notte c’era un odore FORTE di ammoniaca. Lo stesso dei pannolini stoccati  a secco DA GIORNI nel secchio. Ma quelli ci stanno giorni, ecco perché sanno QUELLA puzza! Non capivo il motivo finché un giorno ho avuto bisogno di nuovi pannolini e ne ho acquistati una decina. Potevano andare bene anche per la notte e così ho deciso di provare. Ero molto tesa e titubante, ma mi sono detta che alla peggio il mattino dopo avrei rimediato subito. Ed invece la svolta! Finalmente ho mandato in pensione gli U&G (usa e getta) e uso solo lavabili.

Cosa è cambiato? IL MATERIALE DEI PANNOLINI. Non avevo mai pensato che il pannolino della notte (in materiale assorbente e sintetico) potesse creare una specie di intolleranza sulla pelle dei bambini. Ed invece è così. Mi sono confrontata con altre mamme ed ho scoperto che alcuni bambini sono “intolleranti” anche a tessuti naturali come il bamboo. I miei invece sono intolleranti ai tessuti sintetici, quindi solo cotone o bamboo per noi!

Se avete avuto lo stesso problema provate a cambiare sì il lavaggio, ma anche i tessuti. Il risultato vi stupirà!

ATTENZIONE: io non demonizzo il sintetico contro il naturale. RIPETO: ci sono bambini che hanno lo stesso problema con i tessuti naturali. Ogni bimbo è diverso e va trattato con le sue specifiche caratteristiche!

un abbraccio

Nosy

Lo sapevate che: pianificare le pulizie è meglio!

disegno-di-pulizia-domestica-divertenti-coloratoUn giorno stavo vagando nel mare di facebook quando su un gruppo nel quale sono iscritta ho trovato un post interessante di una ragazza, LUISA, che proponeva il suo metodo di pulizia quotidiana per risparmiare fatica e salvare il week-end.

Ho letto il post e alla fine mi sono convinta a leggere tutto per vedere se una cosa così organizzata poteva fare per me che sono una casinista geneticamente modificata.

Ho letto tutto, anzi ho DIVORATO tutto quello che lei suggeriva e mi sembrava sensatissimo, al punto che ho stampato i suoi pdf per l’organizzazione delle pulizie. Ci ho studiato sopra un bel po’ per capire tutto il meccanismo che all’inizio mi è sembrato, lo devo ammettere, astruso e non adatto al mio altissimo fattore di casinismo. Ma poi alla fine mi sono entusiasmata e ho detto: ci voglio provare! La casa è sempre una Caporeto e sono STUFA di usare il week-end per fare lavatrici e pulire casa (e neanche tutta!). La sera tutta orgogliosa ho fatto vedere a mio marito quanto scoperto e prodotto (mi ero fatta dei programmi tutti miei, in pdf.) Lui era un po’ scettico (non vi dico mia madre che, conoscendomi, mi ha detto che non ce l’avrei mai fatta), ma mio marito alla fine trovava il metodo molto interessante. Ci siamo divisi i compiti del calendario.

Ho cominciato in ottobre dell’anno scorso e… NON SONO CAPACE DI SMETTERE. Per me pulire e riordinare è diventato facile e piacevole. Non pensavo che lo avrei mai detto, tanto meno scritto, ma fare le pulizie e avere la casa in ordine mi dà piacere. Sono felice e grata a Luisa che ha cambiato volto alla mia casa!
Vi lascio il link del gruppo facebook dove potrete trovare i file di LUISA OSTINELLI e … non mi resta che augurarvi tante pulizie in serenità!

Alla prossima

vostra Nosy

Lo sapevate che: carrellino bici vs seggiolino bici (per bambini )

Da poco abbiamo acquistato un carrellino di quelli da attaccare alla bicicletta per portare i bambini. Ci avevamo pensato anche un paio di anni fa, ma un rivenditore di biciclette ci disse che erano scomodi e che era facile ribaltarsi facendo le curve. Se anche a voi hanno detto la stessa cosa, o se semplicemente avete dei dubbi, sono qui per parlarvi della mia esperienza.

Dopo la “disapprovazione” dell’esperto, ci siamo orientati su uno di quei seggiolini da seggiolinoagganciare alla bici, dietro o davanti. Beh, che ve lo dico a fare? Quello sì che fa ribaltare la bici. Io ho un mezzo piuttosto leggero e con quel tipo di seggiolino non potevo nemmeno scendere per spingere la bici a mano e facevo fatica perchè il bambino non aveva equilibrio e sbilanciava spesso la bicicletta quando si muoveva.Il vantaggio del seggiolino è che è poco ingombrante. Si possono far viaggiare solo bambini dai 6 mesi, mai più piccoli.

Con il carrellino per la bicicletta invece io mi sono carrellino trovata molto meglio. Per provare ne abbiamo preso uno di seconda mano e lo abbiamo sfruttato molto. Primo pregio: ci stanno tutti e due i miei bambini. Quindi sicuramente meglio che il seggiolino unico. inoltre si trasforma in passeggino e, nonostante sia un po’ ingombrante, davvero è comodo e leggero da spostare e maneggiare. Mentre si viaggia è davvero confortevole per chi lo traina e non si soffre la sua presenza, tranne che per il fatto che si deve tirare il carico del peso complessivo dei bimbi, ma quello è scontato. A sfavore c’è da dire che in quelli un po’ più economici ci sono delle cinture per la ritenuta dei bimbi che è un po’ troppo spartana a mio avviso. Detto questo, però fa il sriduzioneuo dovere. Non si possono, nemmeno in questo caso, far viaggiare bambini sotto i 6 mesi di età, però ci sono delle riduzioni o seggiolini aggiuntivi che si possono comprare a parte che permettono anche ai bebè più piccoli di viaggiare in sicurezza.

Vi sono inoltre carrellini più costosi chethule però hanno davvero delle caratteristiche che ne giustificano i costi. In primo luogo le rinforzature, le chiusure di zanzariera e telo pioggia e non da ultimo la chiusura delle cinture di sicurezza a tre punti molto comode e sicure.

Non vedo l’ora di potermi permettere un carrellino un po’ più “lussuoso”…

Alla prossima scoperta.

Vostra Nosy

Lo sapevate che: i mille usi del sapone di aleppo

tmp_10032-sapone_di_aleppo-1978929710Eccomi qui, ho fatto un’altra cruciale scoperta nella mia ricerca di cose vere, ma soprattutto sane, per i miei piccoli. Il sapone di aleppo: e’ un sapone davvero antico e allo stesso tempo straordinario. Solo da qualche anno e’ ritornato prepotentemente in voga per le sue caratteristiche speciali: lo si usa spessissimo nei centri estetici. Questo sapone antico e’ fatto con olio di oliva e olio di alloro. Le diverse concentrazioni di questi olii lo rendono piu’ adatto a certi utilizzi che ad altri.

La proprieta’ primaria di questo sapone e’ che non crea secchezza della pelle. Mentre la lava la nutre e la profuma con un gradevole bouquet orientale che a me davvero piace moltissimo. Puo’ aiutare la pelle affliltta dalla psoriasi (attenzione pero’, non e’ curativa, ma preventiva!) e non aggredisce la pelle delicata dei bambini nel cambio pannolino. Potrete cosi’ lasciar perdere tutte quelle creme all’ossido di zinco che impastano e non lasciano respirare i culetti deivostri pargoli.

Per lavare il mio secondogenito che ha solo 3 mesi ho comprato il sapone di aleppo liquido perche’  e’ piu’ pratico da usare con il dosatore mentre tieni il vitellone su un unico braccio (pesa 7 chili gia’) e ho veramente appurato che non gli secca per nulla la pelle. Per me e mio marito la saponetta con il 40% di olio di alloro, indicata per pelli molto delicate e con problemi (tipo psoriasi, secchezza, ecc). Da quando lo uso anche sotto la doccia non devo piu’ usare la crema idratante, una cosa per me impensabile prima. Avevo usato anche altri prodotti ma anche se dichiaravano di essere delicati, se non avessi messo la crema… sarei stata un serpente che si squama!

Un altro uso del sapone di aleppo e’ la cura delle piante! bastano tre cucchiaini da caffe’ di aleppo liquido in un litro di acqua calda, lasciar raffreddare e poi spruzzare sulla pianta infestata da pidocchi, mal bianco, ecc. in internet troverete gli impieghi piu’ efficaci. Con la mia bella pianta di limone ha funzionato: pidocchi spariti!

Un altro uso interessante e’ per la toelettatura degli animali. In particolare in famiglia l’abbiamo provata sul cane e FUNZIONA alla grande. Secondo me la puzza di cane ritorna dopo piu’ tempo rispetto ai classici detergenti per animali. Il pelo e’ lucido e setoso. Io l’ho usato liquido, ma penso possa funzionare egregiamente anche in saponetta.

Se questo mio articolo vi ha incuriosito, potete andare a sbirciare qui.

alla prossima scoperta

sempre vostra

Nosy